Seleziona una pagina

Non trovo più una citazione bellissa relativa alle 3 fasi della diffusione delle scoperte:
se ricordo bene, nella prima fase le novità introdotte dalla scoperta vengono prese per assurdità, e ridicolizzate e l’autore viene preso per pazzo.
Nella seconda fase quando la scoperta si diffonde, viene osteggiata e l’inventore o lo scopritore viene attaccato perchè ogni evoluzione soppianta convinzioni e radicamenti su cui molte persone hanno basato e basano le loro convinzioni. Ed è più facile difendere le proprie convinzioni anche se si basano su idee ormai sorpassate piuttosto che sforzarsi a comprendere le nuove scoperte.
Nella terza fase quando la scoperta o l’invenzione diventa di pubblico dominio viene indicata come “ovvia”.

Una aneddoto o una leggenda metropolitana riferita ad uno dei due padri della PNL narra che aveva deciso di diffondere il più possibile la PNL per non essere preso per PAZZO. Sicuramente conosceva i problemi relativi alla introduzione e diffusione di nuove conoscenze. Mi sembra che raccontasse la seguente storiella:
Se un uomo parla con Dio è una cosa normale, diffusa e accettata dai più, ma se un uomo dice che Dio gli parla viene preso per pazzo. Perchè? Se molti uomi, la maggioranza, asserissero che Dio gli parla allora sarebbe una cosa del tutto normale e accettata.

Questo insegna che conviene sempre diffondere il più possibile una scoperta o una invenzione in modo da non passare per pazzi ;-).

Da tempo non trovo più la citazione esatta sulle tre fasi della diffusione di una innovazione e cercando qua e là per internet comunque ho trovato altre citazioni molte belle relative all’ovvio:

Ovvio” è la parola più pericolosa in matematica.
Eric Temple Bell (1883-1960) letto su http://digilander.libero.it/basecinque/poetico/citazioni.htm

Il mondo è pieno di cose ovvie che nessuno si prende mai la cura di osservare. (Arthur Conan Doyle)
Letto su http://it.wikiquote.org/wiki/Ovvio

L’ovvio è quel che non si vede mai, finchè qualcuno non lo esprime con la massima semplicità (K.Gibran)
Letto su http://it.wikiquote.org/wiki/Ovvio