Seleziona una pagina

Ritenuta d’Acconto

FONTE su vikipedia:

[…] la Ritenuta d’Acconto è una trattenuta che grava sui compensi addebitati dai lavoratori autonomi nei confronti dei titolari di una partita IVA (imprese o liberi professionisti). In questo modo, il soggetto debitore riveste il ruolo di sostituto d’imposta, effettuando il versamento all’erario in sostituzione del professionista, al quale viene detratta una parte della sua prestazione. L’aliquota ordinaria della ritenuta d’acconto corrisponde al 20% dell’imponibile […]

Il debitore del lavoratore autonomo non pagherà l’intero ammontare fatturato, ma la differenza al netto della ritenuta.

Versamento della Ritenuta d’acconto.

Il versamento all’erario della ritenuta deve essere effettuato tramite il modello F24 con i termini previsti per la liquidazione delle altre imposte, ovvero generalmente entro il giorno 16 del mese successivo al pagamento (se il 16 cade di sabato o domenica, la scadenza è prorogata al primo giorno lavorativo successivo), compilando la “sezione erario”, e indicando normalmente il codice tributo 1040 (1038 per le fatture di provvigioni), il mese e l’anno per cui è stato pagato il compenso dovuto – Es. fattura pagata in ottobre: si verserà la ritenuta d’acconto entro il 16 novembre con cod. tributo 1040, mese 10, anno 20xx e l’importo.

Certificazione ritenute d’acconto

Entro il 28 febbraio di ogni anno successivo, ad ogni lavoratore autonomo al quale si sono effettuati pagamenti l’anno precedente è obbligatorio inviare una certificazione indicante l’avvenuto pagamento dei compensi e la trattenuta effettuata, sottoscritta e appositivamente firmata.

Modello 770

Le certificazioni dei pagamenti effettuati ai lavoratori autonomi devono essere allegate al modello 770 dei sostituti di imposta. Gli estremi di queste certificazioni devono essere indicati nel modello 770 Semplificato all’interno del quadro “Comunicazione dati lavoro autonomo”. Gli estremi dei versamenti effettuati a mezzo modello F24 devono essere indicati all’interno del quadro ST, sia nel caso si sia optato per il modello 770 Semplificato, che nel caso si sia utilizzato il 770 Ordinario.