Seleziona una pagina

Molti Governi Italiani compreso quello attuale sono accusati in questo video di aver affondato Navi Cariche di Rifiuti Tossici e Nucleari nei Mari Italiani.

La denuncia lanciata dal giornalista Lannes è gravissima.
Il giornalista afferma di aver le prove, di essere entrato nella più importante centrale nucleare italiana (dismessa), senza essere fermato da nessun ordine di sicurezza. Di essere entrato con 3 macchine fotografiche e di aver fotografato per 2 ore (reattore compreso).
Immaginatevi solo se fosse stato un terrorista, ho un gruppo di terroristi che volesse fabbricare le fammigerate bombe spoche!

Ma questo è il meno. Il peggio del racconto viene dopo, Lannes ha seguito il lavoro di carico dei rifiuti tossici nucleari a detta sua caricati sui tir della ‘ndrangheta che portavano via tonnellate di rifiuti nucleari, caricandoli su container.

Li ha seguiti fino a Genove e a La Spezia, dove i container pieni di rifiuti sono stati caricati su navi da affondare in mare:
ora, non trent’anni fa!

Lannes urla e grida le sue accuse contro i governi.
Con quello che ha scoperto nelle sue ricerche condotte da anni, accusa che i governi hanno gestito questo disastro ecologico che ricadrebbe sulle generazioni attuali e future. Lannes accusa la stampa di silenzio, averlo abbandonato.
Afferma anche di essere stato minacciato, gli hanno fatto saltare per aria una macchina e tagliato i freni di un’altra. E che hanno tentato di corromperlo.

Ma lui va avanti. Ha fondato un giornale online, Italia Terra Nostra, con giovani ventenni che vengono minacciati, intimoriti per il lavoro che fanno. Lannes racconta che sono rimasti solo i giovani a ribellarsi.

I pescatori come si vede in questa video Inchiesta di Maurizio Torrealta, sanno, con le loro mappe elettroniche sanno quali zone evitare, e dove non devono buttare le reti.

Cosa si può fare?
Giornalisti di Genova e a La Spezia, del Gargano, della Puglia e della Calabria un contatore Geiger si compra su internet da 200 a 400 euro.
Investigate con videocamere e pubblicate su internet su youtube quello che scoprite. Il popolo, la gente deve sapere!
AZIONE E RESISTENZA!