Seleziona una pagina

Massimo polidoro nel suo blog segnala che l’11 marzo 2009 (l’altro ieri) il TG5

“ha dedicato un servizio a quello che ha definito “un fenomeno paranormale”, ovvero una salita, che collega il comune di Teggiano a quello di Sala Consilina, dove auto, acqua e altri oggetti lasciati rotolare anziché scendere sembrano salire. Si tratta naturalmente dell’ennessima “salita in discesa”.

Vediamo un esempio di un filmato amatoriale su youtube di questo fenomeno ottico, che nulla ha di paranormale!

Il fenomeno delle illusioni ottiche è molto conosciuto e studiato in fisica e ovviamente in ottica, ma anche chi ha studiato un po’ di grafica o di arichitettura o di psicologia lo sa! Ecco una piccola e scolastica dimostrazione:

Solo al TG5 non lo sanno perchè il giornalismo nella loro redazione non esiste più da tempo immemorabile.

Perchè è grave l’errore del TG5:

Non solo la RAI è GOVERNATIVA (una volta era un po’ più libera perchè era PARLAMENTARE), quindi dice e fa quello che vuole il GOVERNO, anche questo è uno dei motivi per quale l’Italia è al 65esimo posto in fatto di libertà di stampa.
Non solo Rete4 occupa abusivamente le frequenze televisive, e gli italiani pagano con le loro tasse le multe della corte europea mentre Berlusconi e company se ne infisciano e si fanno leggi a persona per mantenere la loro posizione dominante sul mercato televisivo e pubblicitario (anche questo è uno dei motivi per quale l’Italia è al 65esimo posto in fatto di libertà di stampa, francamente non so perchè viene definito ancora paese libero per la stampa??? Bho!).
Non solo la televisione italiana ignora volutamente il movimento politico di Grillo ed il suo BLOG (7 al mondo per visite su quasi 6 miliardi di popolazione) e primo MEETUP al mondo per aderenti!
Ieri il TG5 mostra tutta la sua ingoranza in fatto di giornalismo! Parlando di un fenomeno ottico come un femonemo paranormale.
Ma CRISTO! Esiste in Italia un COMITATO che da anni controlla le affermazioni sul paranormale. Dico io, se sei un briciolo di giornalista, e se hai un briciolo di sale in zucca, prima di fare un servizio nel quale dimostri tutta la tua ignoranza in materia, chiamerai al telefono il CICAP per avere delle informazioni a riguardo? MA CERTO CHE NOOOOO, al TG5 gli piace mostrare agli Italiani quanto sono ignoranti! Davvero complimenti!
Il giorno in cui la STAMPA sarà soggetta e aperta al FEEDBACK che c’è in INTERNET ritornerà ad essere di qualità perchè, in internet se fai una puzzetta, gli altri se ne accorgono subito, figurati se fai una stronzata come questa, gli altri ti tirano la cacca addosso! 😉 TG5! SVEGLIAAAAA! Ma tornatevene all’università se l’avete fatta!
Mi arrabbio perchè la qualità di informazione fa la qualità del sapere di un paese!
Striscia la notizia che è satirico, i giornalisti sono più preparati del TG5! Leggete qui:

Dal blog di Massimo Polidoro (massimopolidoro.com) del 12 marzo 2009:

Ieri sera il TG5 ha dedicato un servizio a quello che ha definito “un fenomeno paranormale”, ovvero una salita, che collega il comune di Teggiano a quello di Sala Consilina, dove auto, acqua e altri oggetti lasciati rotolare anziché scendere sembrano salire. Si tratta naturalmente dell’ennessima “salita in discesa”.
***
Il CICAP si è più volte occupato del fenomeno delle salite in discesa, che in Italia si possono trovare anche ad Ariccia, vicino a Frascati, a Montagnana, in Trentino, a Martina Franca (TA) e a Francofonte (SR). Per spiegare il singolare fenomeno, anche nel caso del Salernitano, sono state tirate in ballo improbabili anomalie gravitazionali o non meglio spiegati influssi magnetici (per fortuna ci sono stati risparmiati gli alieni).

L’effetto (grazie anche a una serie di sperimentazioni coordinate per il CICAP da Luigi Garlaschelli) si è in realtà da tempo rivelato una curiosa illusione ottica, dovuta al nostro limitato senso dell’equilibrio, che si affida anche alla vista per decidere in che direzione sia il “basso”. Le salite anomale sono tratti in discesa molto leggera, posti tra due tratti in pendenza molto maggiore, e il nostro senso di orizzontale viene influenzato dal fatto che tutto il paesaggio circostante è molto più in discesa del tratto in cui ci troviamo. Per questo la leggera discesa ci sembra una salita. Contribuisce all’effetto la posizione e la conformazione dell’orizzonte visibile (come la fotografia sopra ben mostra, del resto).

Il fenomeno appare quindi simile alle molte illusioni ottiche note in psicologia. Resta un fenomeno interessante da studiare, ma per capire come funziona la nostra percezione. Alla Facolta di Psicologia dell’Università di Padova, Garlaschelli e la d.ssa Paola Bressan hanno riprodotto l’illusione utilizzando tre plastici appositamente costruiti: con una strada a due, o tre, tratti contigui diversamente inclinabili, o con due strade affiancate e a diversa inclinazione. Il lavoro è stato pubblicato su “Psychological Science” (September 2003, 14:5).

Per chi desidera approfondire, rimando a questi articoli pubblicati dal CICAP, che descrivono alcune delle sperimentazioni di Garlaschelli:
http://www.google.it/custom?q=salite+in+discesa&domains=cicap.org&sitesearch=cicap.org

E a questo mio articolo pubblicato da “The Skeptical Inquirer” che riassume l’esperimento di Garlaschelli e Bressan:
http://www.csicop.org/si/2007-06/polidoro.html

Da segnalare anche che “Striscia la notizia” aveva intervistato proprio Garlaschelli, il 5 aprile 2008, per spiegare la reale natura del fenomeno delle salite in discesa. Probabilmente, al TG5 non guardano Striscia…

Per seguire la discussione sul blog: http://www.massimopolidoro.com/blog/salita-in-discesa-nel-salernitano.html