Seleziona una pagina

Presa di posizione più che decisa di alcuni esponenti della British Medical Association: «Via i fondi del Servizio Sanitario Nazionale agli ospedali che la offrono».

Articolo scritto da Simona Marchetti:

http://www.corriere.it/salute/10_maggio_16/omeopatia-uguale-stregoneria-medici-inglesi_84c88a88-60ea-11df-9feb-00144f02aabe.shtml

Articolo scritto da Simona Marchetti, che come tanti altri mi conferma che il giornalismo in Italia è in coma o sempre fuori dalle principali testate editoriali. Posso capire che Simona magari non sappia una cippa di Omeopatia, ma eppure ha fatto la scuola, ha imparato il metodo scientifico, che poi forse ha dimenticato, e ci sta (purtroppo), tuttavia “la Reazione” meritava un minimo di commento fatto da una persona di cultura scientifica.

Perché ad esempio sarebbe stato il caso di dire che l’Omeopatia funziona perché è un placebo, e i placebo funzionano semplicemente perché funziona il sistema immunitario dell’uomo (fino a prova contraria 😉 ).

E non è vero che l’Omeopatia non ha effetti collaterali, laddove viene abbandonata una terapia per l’Omeopatia (o il placebo perché questo è il suo vero nome) senza ottenere risultati, e la malattia si aggrava, questo è un effetto collaterale.

Quindi fare un paragone tra Omeopatia e Farmaci è come paragonare una cosa che ha un principio attivo in fisica organica, con uno che ce l’ha sull’umorismo o sulla psicologia. Si il buon umore aiuta a guarire (eccome) ma in entrambi i casi non è classificabile tra i farmaci come nemmeno l’Omeopatia. O meglio può essere inserito tra i farmaci senza principio attivo.

Quando si parla di diluizioni.

Inoltre, quando si parla di diluizioni, ci si dimentica degli studi di biologia e di chimica, allora facciamoci aiutare dai chimici, e dai matematici. Nelle diluizioni Omeopatiche non c’è semplicemente NULLA della sostanza che si è voluta diluire. Ecco cosa vuol dire 30 diluizioni.

Per fare un esempio: Se prendete 1 bicchiere da 100 ml di cianuro (un veleno mortale, non fatelo a casa) e ne prendete 1 ml e lo versate in un’altro bicchiere da 100 ml avete fatto una diluizione di 1 parte su 100.

Se da questo bicchiere prendete sempre 1 parte su cento e la versate in un altro bicchiere da 100 ml. E’ come se aveste preso la prima parte su cento del primo bicchiere e lo aveste versato in un bicchiere da 10.000 millilitri (Ovvero 10 litri). Se lo fate per 30 volte avete versato la prima parte in un bicchiere gigantesco contente 100.000.000.000.000.000.000.000.000.000.000.000.000.000.000.000.000.000.000.000.000. di litri.

(1 seguito da 62 zeri).

Giusto per capire di quanti litri parliamo

sono più di 1.000.000.000. (1 miliardo di litri 1 seguito da 9 zeri)

sono più di 1.000.000.000.000.000.000. (1 miliardo di miliardi di litri, ovvero 1 seguito da 18 zeri)

che dite mi fermo qui?

Perché la cifra è così esorbitante?

Perché nel sistema Omeopatico si prende 1 parte su cento di ogni diluizione e la si diluisce nuovamente in altre 100 parti di acqua.

Tutti voi conoscete perfettamente le diluizioni, quando salate l’acqua per la pasta!

Se mette 1 grammo di sale in 100 ml di acqua, l’acqua potrebbe essere un po’ salata.

Se mettete 1 grammo di sale in 1 piscina olimpionica non se ne accorge nessuno ed una piscina olimpionica ha solamente circ 2.250.000 litri di acqua quindi un 2 seguito da 6 cifre è molto lontano da un 1 seguito da 62 cifre.

Le Diluizioni si comportano in chimica in modi conosciuti che avete studiato alle scuole superiori.

Se l’acqua avesse una Memoria del genere come dichiarata dall’Omeopatia, sia la INTEL che la AMD l’avrebbero già sfruttata per creare delle super memorie, e dei super computer!

Per dirla in un altro modo forse più vicino alla quotidianità, cosa vuol dire una 30 diluzioni in omeopatia?

Cosa vuol dire questo in termini fisici? Che avete più probabilità di fare due volte di fila il super enalotto che trovare una singola particella iniziale del mio esempio di cianuro nella 30esima diluizione.

Oppure per dirla in modo più pratico. Se fosse vero quello che dice l’omeopatia, l’acqua che bevete dal RUBINETTO anche se depurata dalla Municipalizzata, ha in se tutte le sostanze presenti nel mondo, che considerando quelle inventate dall’uomo sono molto più di 100.000!!

E’ importante ricordare che molti uomini erano convinti che la terra fosse piatta. E che l’uomo ha scoperto molti secoli prima che era rotonda ed ha dovuto riscoprirlo più volte per diffondere questa conoscenza. Pertanto non esiste solo progresso ma anche regresso nella storia dell’uomo (esistono molti altri esempi). L’Omeopatia è un esempio di regresso, di perdita di conoscenze scolastiche elementari di Scienze, di Chimica, di Matematica.

E questo è il minimo di cultura che mi aspetto che venga detto da un giornalista che abbia fatto l’università.