Seleziona una pagina

Energismo
Totale Indipendenza Energetica (TIE!)
Perché è importante rendere sostantiva una ideologia.

Non parlo solo del concetto di liberalizzare il mercato della produzione e distribuzione dell’energia, ma di un sistema socio, politico ed economico nel quale ogni cittadino debba essere fornita la possibilità di raggiungere l’indipendenza energetica allo stesso modo nel quale può raggiungere l’indipendenza economica attraverso un lavoro tutelato.

La schiavitù esiste ancora, ogni qual volta uno dei bisogni primari è controllato da un monopolio o da una oligarchia di fatto si è schiavi. In questo preciso momento siamo tutti schiavi di una oligarchia che controlla la produzione e distribuzione dell’energia, da leggi che non solo non incentivano l’indipendenza energetica dei singoli cittadini ma la ostacolano in tutti i modi proteggendo gli interessi delle oligarchie.

Perché è importante rendere sostantiva, cioè dare un nome ad una ideologia?

L’uomo decide, quindi agisce in base alle informazioni e distinzioni e per estrema sintesi verso un obiettivo.
Non si può tendere e raggiungere un obiettivo finché questo non è precisamente identificato, visualizzato e infine nominato.
Per questo motivo non si può incanalare e concentrare l’energia di una moltitudine di persone, di uno o più stati, di una o più generazioni se manca un obiettivo diffuso, chiaro, definito, sostantivato, nominato.

Conosco molto bene l’importanza del simbolismo, è il mio lavoro sintetizzare ed evocare concetti ed emozioni attraverso simboli ed immagini. Anche le parole scritte sono segni, linee, quindi immagini. Il termine parola deriva infatti da parabola, mettere a lato o a fianco, cioè un suono o un segno che viene messo a fianco ad un oggetto o ad un concetto astratto per riconoscerlo, ricordarlo, trasmetterlo velocemente e facilmente.
La mia generazione è stata chiamata generazione X, o dei 1000€ al mese, o dei bambocioni, senza idee e ideali. Secondo me invece la mia generazione è generatrice di tantissime idee e ideali, tuttavia quello che manca è un ideale comune su cui convergere, un sostantivo comune su cui far canalizzare l’energia di una o più generazioni.

Per questo motivo c’è bisogno di riunire in un’unica parola una moltitudine di concetti. Allo stesso modo di Capitalismo o Comunismo.

Quello che manca è una successiva evoluzione del concetto di libertà.
Oltre alle libertà e diritti espressi nella Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo manca il diritto all’indipendenza energetica.
In definitiva manca la libertà energetica.

Quindi Energismo come Capitalismo o Comunismo, cioè un ideale verso cui tendere per plasmare la società presente e futura.

Senza l’energia l’uomo ritorna indietro di centinaia di anni, quando era costretto a provvedere al proprio sostentamento con l’energia delle proprie bracia o sfruttando l’energia dei muscoli degli animali.

Il concetto di Libertà ha avuto una evoluzione nel tempo e la si può leggere proprio nella progressione numerica della dichiarazione universale dei diritti dell’uomo:

Gli Articoli titolano i seguenti argomenti

* Articolo 1 Siamo tutti liberi ed uguali
* Articolo 2 Non discriminare
* Articolo 3 Diritto alla vita
* Articolo 4 Nessuna schiavitù
* Articolo 5 Nessuna tortura
* Articolo 6 Hai i tuoi diritti ovunque tu vada
* Articolo 7 Siamo tutti uguali di fronte alla legge
* Articolo 8 Tutti i tuoi diritti sono protetti dalla legge
* Articolo 9 Nessuna detenzione ingiusta
* Articolo 10 Diritto al giudizio
* Articolo 11 Innocente finché dimostrato
* Articolo 12 Diritto alla privacy
* Articolo 13 Diritto di libertà di movimento
* Articolo 14 Diritto di asilo
* Articolo 15 Diritto alla nazionalità
* Articolo 16 Diritto di matrimonio e famiglia
* Articolo 17 Diritto di proprietà
* Articolo 18 Libertà di pensiero
* Articolo 19 Libertà di espressione
* Articolo 20 Diritto di pubblica assemblea
* Articolo 21 Diritto alla democrazia
* Articolo 22 Sicurezza sociale
* Articolo 23 Diritti dei lavoratori
* Articolo 24 Diritto di giocare
* Articolo 25 Un Letto e cibo per tutti
* Articolo 26 Diritto all’istruzione
* Articolo 27 Diritti d’autore
* Articolo 28 Un mondo libero e giusto
* Articolo 29 Responsabilità
* Articolo 30 Nessuno può toglierti i tuoi diritti

La mia generazione o quelle immediatamente successive combatteranno per determinare la libertà energetica liberandosi dal controllo delle oligarchie che controllano la produzione e distribuzione dell’energia. Tuttavia ritengo che solo incanalando le energie degli uomini in una ideologia comune si potrà evolvere il concetto di libertà. La stessa democrazia potrà essere più sana, attualmente controllata dagli oligarchi energocratici.

Quindi in definitiva:

Energismo, cioè dare ad ogni uomo la possbilità di ottenere la “Totale Indipendenza Energetica” (TIE!) come evoluzione del concetto di libertà e democrazia. L’uomo dovrà poter ottenere la totale indipendenza energetica allo stesso modo in cui oggi può ottenere la totale indipendenza economica attraverso un lavoro tutelato.

Un po’ di satira:
propongo il saluto alla “ave scrocco” come saluto del movimento per la Totale Indipendenza Energetica: TIE! ;-), e gli Energisti saluteranno il tramontare delle oligarchie energocratiche con un energico gesto dell’ombrello: TIE! 😉