Seleziona una pagina

Il mio caro amico Alessando Z. mi ha scritto su Facebook:

La schermata iniziale appena ti registri a facebook è fantastica: Alessandro NON HA AMICI!!! ah ah
Quindi cosa fai? Sputi allo schermo e chiudi tutto? Oppure con l’elenco telefonico in mano vai alla ricerca di nomi?

Comunicazione Assertiva, questa grande sconosciuta! Anche Facebook è caduto in fallo e si dimostra poco assertivo. Però mentre essere seduttivi e persuasivi sono più che altro tecniche di comunicazione pubblicitaria, l’assertività dovrebbe essere una forma di rispetto minima di base. Purtroppo la comunicazione assertiva è ancora poco diffusa. Ma cosa cavolo è questa Assertività? Tradotto in soldoni si potrebbe parafrasare con: parla per te! ;-)) ovvero parlare di ciò che è di propria responsabilità e pertinenza, senza invadere gli altri, quindi rispettando le libertà altrui.
Facebook quando ingenuamente scrive: Alessandro NON HA AMICI, comunica sicuramente una cosa falsa. Perchè Alessandro appena iscritto su Facebook non aveva ancora creato relazioni con altri utenti del famoso Social Network (che quest’ultimo chiama amici). Pertanto Facebook non può ASSERIRE che Alessandro non abbia amici. Non c’è modo che Facebook possa sapere realmente se una persona abbia o no amici. In conclusione quella di Facebook è una violazione linguistica. Un peccato davvero veniale. 😉
Come sarebbe stata una frase assertivamente corretta? Beh, le possibilità in questo caso sono molte, i responsabili della comunicazione di Facebook avrebbero potuto usare delle frasi persuasive che inducono all’azione il neo iscritto, per esempio con: cerca amici, trova amici (comandi già presenti nei loro menù). Oppure con delle frasi esplicative maggiormente articolate ed esaustive: Con il “cerca amici” puoi trovare altri utenti iscritti a Facebook.
Buona comunicazione assertiva a tutti.